Home Radiologia Cremona

 

patologia colon retto

 

Azienda Ospedaliera di Cremona



pagina di Giancarlo Mazza

PATOLOGIA DEL COLON RETTO

a cura del Dr.Giancarlo Mazza

LA PATOLOGIA COLICA

LE PRINCIPALI PATOLOGIE BENIGNE

Le malattie infiammatorie, i polipi e la malattia diverticolare costituiscono le più importanti patologie benigne del grosso intestino.
Le malattie infiammatorie intestinali comprendono principalmente la malattia di Crohn e la rettocolite ulcerosa, patologie con alcune caratteristiche comuni la cui eziologia rimane in parte tuttora sconosciuta pur essendo ormai accertato un ruolo importante dei processi autoimmunitari.
La rettocolite ulcerosa, che ha un'incidenza di 4-7 casi per centomila abitanti, colpisce più spesso soggetti fra i 20 e i 40 anni con una prevalenza nel sesso femminile.
La localizzazione del processo infiammatorio è varia; il retto e il sigma sono interessati nella quasi totalità dei casi mentre il coinvolgimento di tutto il grosso intestino si ha in circa il 40910 dei casi. La clinica della patologia è in rapporto alla forma di presentazione della malattia: nella maggior parte dei casi essa decorre in forma sub-acuta con periodi di remissione e fasi di riacutizzazione in cui la sintomatologia è caratterizzata da diarrea spesso ematica, dolori addominali e febbre.
In una percentuale minore di casi, la malattia può presentarsi tuttavia in forma fulminante con rapido e grave peggioramento del quadro clinico che richiede un trattamento d'urgenza immediata.
La malattia di Crohn, che ha un'incidenza di 5-6 casi ogni centomila abitanti, ha la stessa incidenza per età della rettocolite ulcerosa ma predilige il sesso maschile. La malattia può interessare il tubo digerente in ogni tratto ma la sede più frequente è l'ileo terminale, seguito dal colon e dal retto. La clinica di tale patologia, che più spesso evolve in forma cronica, è anche in questo caso dominata dai dolori addominali e dalla diarrea. La terapia è essenzialmente medica ma la chirurgia ha tuttora un ruolo centrale nel trattamento delle complicanze (occlusione, fistole, ascessi intraddominali) e delle forme resistenti alla terapia medica.
Per quanto riguarda i polipi è importante distinguere le forme neoplastiche da quelle non neoplastiche: fra le prime ricordiamo i polipi infiammatori, quelli giovanili e quelli iperplastici: essi, come quelli neoplastici, possono dare luogo a rettorragie (più spesso modeste) che richiedono l'esecuzione di una endoscopia, esame che attraverso la visualizzazione dei polipi e la possibilità di asportarli e di eseguire biopsie degli stessi, permette di precisare la natura di tali formazioni che non tendono generalmente a diventare adenocarcinomi.

Asportazione per via endoscopica di formazione polipoide peduncolata.
Asportazione per via endoscopica di formazione polipoide peduncolata.


Diverso è il caso dei polipi adenomatosi (più frequenti dei precedenti) classificati in relazione all'aspetto microscopico in tubulari, tubulo-villosi e villosi. L'evoluzione oncogenetica di questi polipi è suffragata nel 1975 dagli studi di Mutuo e Morson con una scala che va dalla displasia lieve a quella moderata fino alla displasia sever', che costituisce già un carcinoma in situ, che non ha oltrepassato cioè la membrana basale dell'epitelio intestinale.
Macroscopicamente essi possono essere peduncolati o avere una larga base di impianto (polipi sessili): questo è importante non solo dal punto di vista anatomopatologico ma anche dal punto di vista terapeutico in quanto i polipi sessili sono più difficili da asportare endoscopicamente. L'asportazione endoscopica di tali formazioni è sufficiente, mentre per le forme con invasione della membrana base è necessaria una resezione del tratto intestinale coinvolto dalla neoplasia. È importante comunque sottolineare come anche i polipi intestinali asportati endoscopicamente sia necessario sottoporre i pazienti a controlli ripetuti nel tempo con un follow-up accurato.
Per quanto riguarda il capitolo della malattia diverticolare è importante sottolineare che essa rappresenta attualmente la patologia più frequente del grosso intestino: essa ha infatti un'incidenza del 40% nella popolazione generale, con una tendenza all'aumento in relazione all'età (fino al 70% oltre i 70 anni).
Dal punto di vista anatomopatologico la malattia diverticolare è caratterizzata dalla presenza di diverticoli, estroflessioni della mucosa e della sottomucosa del colon attraverso aree di debolezza della parete muscolare del viscere. Tali diverticoli, variabili per numero e dimensioni, si localizzano prevalentemente nel colon discendente e nel sigma in relazione all'aumento della pressione endoluminale che si realizza in tale sede.
Dal punto di vista clinico si possono riconoscere essenzialmente due condizioni, la diverticolosi e la diverticolite. La prima può decorrere in maniera asintomatica o manifestarsi con una sintomatologia aspecifica di dolori addominali con alterazioni dell'alvo e meteorismo. La diverticolite al contrario è caratterizzata dalla sovrapposizione di uno stato di flogosi in relazione alla quale si assiste ad una esacerbazione della sintomatologia addominale ed alla comparsa di febbre. La diverticolite, che può decorrere in forma sia acuta che cronica, dà luogo in una percentuale significativa di casi (5-15%) a complicanze quali l'emorragia e la perforazione ed in una percentuale minore di casi a stenosi con possibile occlusione intestinale. Se la malattia diverticolare non complicata richiede una terapia essenzialmente di tipo medico con una particolare attenzione agli aspetti dietetici (diete ricche di fibre), è evidente come le complicanze di tale malattia necessitino di un trattamento chirurgico spesso in urgenza, teso non soltanto a risolvere la complicanza ma a trattare, mediante una resezione colica, la malattia stessa.

LE PATOLOGIE MALIGNE: IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO

EPIDEMIOLOGIA

Il termine “tumori del colon-retto” comprende le neoplasie del colon , del retto, della giunzione retto-sigmoidea e dell'ano. Il ca del colon-retto rappresenta negli USA e in Europa la seconda causa di morte per patologia neoplastica sia nella popolazione femminile che maschile. Si calcola un numero di circa 50.000 morti all’anno negli USA e 11.000 in Italia. Nel 1997 è stato stimato che nell'Unione Europea siano stati diagnosticati 220.973 nuovi casi (114.106 fra i maschi e 106.867 fra le femmine) di tumore colo-rettale mentre 110.921 soggetti (55.791 maschi e 55.130 femmine) sono deceduti per questa causa . I dati relativi ai vari paesi sono esposti nella tabella 1.

Tabella 1: Cancro del colon-retto in Europa (1997)
Tabella 1: Cancro del colon-retto in Europa (1997)

Tasso standardizzato per età su popolazione europea (E) o mondiale (W)

L'andamento dell'incidenza, dal 1970 al 2006 (stimata) mostra un costante incremento in tutti i paesi Europei, mentre negli Stati Uniti c'è stata una tendenza al ribasso a partire dal 1985. L’andamento dell’incidenza del CCR rispetto all’età segue la curva tipica della maggioranza delle neoplasie, con un incremento crescente all’aumentare dell’età. Infatti le diagnosi sono sporadiche nelle età giovanili, le frequenze diventano dell’ordine di 50 casi ogni 100.000 abitanti/anno fra i 30 ed i 50 anni, aumentano a 100 fra 50 e 70 anni ed arrivano a circa 250 nelle età più avanzate. I tassi d’incidenza risultano simili tra i due sessi fino a circa 45 anni, successivamente la curva per i maschi presenta un incremento più ripido e raggiunge valori più elevati rispetto a quella delle femmine.
Tra i tumori colo-rettali per i quali è disponibile una conferma istologica, la maggioranza è rappresentata da adenocarcinomi, mentre meno dell'1% sono rappresentati da carcinoidi, da sarcomi e da melanomi .
Tra gli oltre 40.000 casi di tumore colo-rettale incidenti raccolti dai Registri italiani fra il 1993 ed il 1997, il 68% erano insorti nel colon e il 32% nel retto. Tra i primi, il 31% aveva insorgenza nel colon prossimale (cieco, appendice, ascendente, flessura epatica, trasverso) e 47% nel colon distale (flessura splenica, discendente, sigma), oltre ad un 22% a sottosede non specificata .
Per quanto riguarda l’epidemiologia di quelli che sono ormai riconosciuti come precursori tumorali, cioè gli adenomi ad alto rischio (Tabella 2), i dati sono molto più incerti in quanto tale patologia è normalmente asintomatica e si rileva soltanto in occasione di esami endoscopici; fino ad oggi, inoltre, scarse sono state le popolazioni non sintomatiche sottoposte ad esame endoscopico. In una casistica statunitense il 9,5% di 3121 (per il 97% uomini) soggetti asintomatici, anche se probabilmente selezionati, sottoposti a colonscopia (età media 63 anni) sono risultati portatori di un adenoma ad alto rischio, così come definito nella tabella 2; il 69.3% di questi era localizzato distalmente alla flessura splenica.

Tabella 2: Definizione di adenoma ad “alto rischio” (advanced colonic neoplasia)
Tabella 2: Definizione di adenoma ad “alto rischio” (advanced colonic neoplasia)

FATTORI DI RISCHIO

Rischio Generico
Per soggetti a rischio generico s’intendono quelle persone che non manifestano segni o sintomi suggestivi per cancro del colon-retto (rettorragie, recenti modifiche dell'alvo, tenesmo, senso d’incompleto svuotamento, stipsi di recente insorgenza, perdita di peso superiore al 10 % del proprio body mass index senza modifiche dell’alimentazione) e che non hanno fattori di rischio genetico o familiare.
Il rischio generico per cancro colo-rettale in Italia è valutato, in termini di rischio cumulativo, in circa il 6% ed è sostanzialmente correlato all’età. Il cancro colo-rettale comincia, infatti, ad essere rilevante a 50 anni (raro fino ai 40 anni ove spesso è associato ad una componente genetica), aumenta progressivamente fino a raggiungere il picco verso i 70 anni (età media d’insorgenza 68 anni) con uno spostamento graduale dai tratti distali ai tratti prossimali del colon.
Per rischio generico s’intende quindi il rischio relativo ad una popolazione con età superiore a 50 anni, che non ha altri fattori di rischio oltre all’età stessa. Negli USA il rischio cumulativo di sviluppare il cancro del colon è del 6% senza apprezzabili differenze fra i due sessi, con una mortalità del 50%. In Francia il rischio generico di presentare un cancro colo-rettale prima di 75 anni è stimato nel 3.5%.

Rischio aumentato
Sono stati identificati diversi gruppi di soggetti con un rischio aumentato rispetto al rischio generico (vedi Tabella 3).


Tabella 3 Fattori di rischio aumentato per CCR
Tabella 3 Fattori di rischio aumentato per CCR

SINDROMI EREDITARIE

Le sindromi ereditarie sono rappresentate principalmente dalla Poliposi Adenomatosa Familiare (FAP) e dal Cancro Colo-rettale Non-Poliposico Ereditario (HNPCC). Queste sindromi sono responsabili di una piccola parte dei tumori maligni colo-rettali (3-6 %). Vengono definite ereditarie in quanto il paziente eredita una mutazione in un gene chiave dei processi di regolazione della proliferazione e differenziazione cellulare o di riparazione delle mutazioni che normalmente avvengono nel genoma umano. La conoscenza delle mutazioni trasmesse ha fornito la possibilità di ideare test genetici, capaci di identificare precocemente il portatore, aggiungendo nuovi elementi decisionali nelle strategie di prevenzione, diagnosi precoce e terapia.

Poliposi Adenomatosa Familiare (FAP)
La FAP è una sindrome genetica ereditata in modo autosomico dominante, causata dalla mutazione a carico del gene APC; è caratterizzata dall’insorgenza in giovane età di centinaia, migliaia di polipi adenomatosi nel colon-retto, con inevitabile evoluzione in senso carcinomatoso. I polipi possono insorgere anche nel tratto gastrointestinale superiore.
I polipi del fondo gastrico sono in genere piccoli, multipli ed iperplastici, senza alcun rischio di progredire verso la malignità. Il 40-90% dei pazienti, comunque, possono avere polipi adenomatosi a livello dell’antro gastrico, del duodeno, della regione peri-ampullare o anche nell’ileo terminale. Il rischio relativo di evoluzione carcinomatosa dei polipi adenomatosi duodenali, soprattutto della regione peri-ampullare, è notevolmente aumentato. Tumori maligni possono svilupparsi, inoltre, nel fegato, tiroide, albero biliare, pancreas ed encefalo.
I pazienti portatori del gene mutato e i familiari per i quali non è stato possibile definire lo stato di portatore, devono sottoporsi ad una sigmoidoscopia ogni 1-2 anni, a partire dai 10-12 anni di età, riducendo la frequenza al passare di ogni decade. Dopo i 50 anni, si consiglia di seguire le raccomandazioni valide per gli individui con rischio generico.
Viene inoltre consigliata una esofago-gastro-duodenoscopia ogni 6 mesi - 4 anni, a seconda del diametro totale delle lesioni polipose.

Cancro Colo-rettale Non-Poliposico Ereditario (HNPCC)
La HNPCC è una sindrome genetica ereditata in modo autosomico dominante, caratterizzata da una forte predisposizione a sviluppare cancro colo-rettale in età adulta. Questa sindrome si sviluppa in seguito ad una mutazione germinale dei geni che formano il mismatch-repair system (MMRS).
Sono stati proposti dei criteri clinici per individuare i pazienti affetti, noti come i criteri di Amsterdam. Questi criteri consistono nella presenza nella stessa famiglia di tre parenti di primo grado con cancro colo-rettale, distribuiti in due generazioni, con almeno un caso diagnosticato prima dei 50 anni. Recentemente, questi criteri sono stati revisionati, includendo la possibilità, come unica manifestazione, della comparsa di tumori a localizzazione extra-intestinale, interessanti almeno tre parenti di primo grado (Criteri di Amsterdam II).
In assenza di test genetici, i parenti di primo grado di un individuo affetto, che hanno una probabilità del 50 % di sviluppare la sindrome, dovrebbero sottoporsi ad una pancolonscopia ogni 1-2 anni, a partire dai 20-30 anni di età e annualmente dopo i 40 anni o, alternativamente, ogni 1-2 anni a partire dai 25 anni.
I pazienti portatori della mutazione germinale, dovrebbero iniziare la sorveglianza colonscopica dai 25 anni di età o 5 anni prima dell’età del parente più giovane alla diagnosi, e continuare con controlli annuali.
Rischio Familiare
In circa il 15-20% dei casi, il cancro colo-rettale si presenta in pazienti con una familiarità semplice o complessa.

FAMILIARITA’ SEMPLICE
I pazienti che presentano un solo parente di primo grado con CCR diagnosticato dopo i 50 anni di età, hanno un rischio relativo doppio o triplo, rispetto alla popolazione generale, di sviluppare loro stessi la malattia o di sviluppare un adenoma colo-rettale.
Le attuali raccomandazioni consigliano, in questi casi, lo stesso tipo di screening proposto per i pazienti con rischio generico (FOBT annuale ± Sigmoidoscopia ogni 5 anni) cominciando, però, dai 40 anni di età. Va comunque notato che, con questa metodica di screening, circa il 25-30% dei tumori colo-rettali localizzati prossimamente alla giunzione colon discendente-sigma, non vengono diagnosticati; in particolare, ricorrendo esclusivamente alla rettosigmoidoscopia non si diagnosticano oltre il 35% delle lesioni neoplastiche avanzate (= adenoma con diametro > 10mm, o con componente villosa, o alto grado di displasia, o cancro invasivo).
In base a queste considerazioni, anche se non supportato da trial clinici controllati randomizzati in doppio-cieco, la colonscopia totale, quando eseguibile, dovrebbe rappresentare la metodica di scelta, rappresentando una procedura sicura con un rischio di complicanze maggiori (emorragia digestiva, accidenti cerebro-cardio-vascolari) quantificabile intorno allo 0.3% quando associata a manovre terapeutiche (polipectomia), e allo 0.1% se esclusivamente diagnostica.

FAMILIARITA’ COMPLESSA
S’intende con il termine familiarità complessa per CCR la presenza nel nucleo familiare di uno o più parenti con diagnosi di neoplasia colo-rettale e che non rientra nella definizione di familiarità semplice o di sindrome ereditaria (FAP, HNPCC).
I pazienti che presentano un parente di primo grado con diagnosi prima dei 50 anni di età, o con due parenti di primo grado con CCR, presentano un rischio aumentato di 3-4 volte, rispetto alla popolazione generale, così come presentano un rischio aumentato i pazienti con due parenti di secondo grado con CCR (˜ 2-3 volte), con un parente di primo grado con un polipo adenomatoso (˜ 2 volte), soprattutto se in stadio avanzato (diametro = 1 cm o villoso) o con un parente di secondo o terzo grado con CCR (˜ 1.5 volte). In tutti questi casi, è stato notato un progressivo aumento del rischio al ridursi dell’età di diagnosi del caso indice, in particolare se rilevato ad una età = 60 anni.
In tutti i casi sopra detti, eccetto nel caso della presenza di parenti di secondo o terzo grado con CCR, viene raccomandata una colonscopia totale ogni 3-5 anni a partire dai 40 anni o ad una età inferiore di 10 anni rispetto l’età, al momento della diagnosi, del caso indice più giovane. In alternativa, come seconda scelta, il clisma opaco a doppio contrasto, che dovrebbe essere proposto solo dopo che la pancolonscopia non è accettata o tollerata dal paziente. Per i pazienti con parenti di secondo o terzo grado con CCR, si consiglia la stessa modalità di screening dei pazienti con rischio generico, tenendo presente i limiti sopra riportati.
Rischio personale
La storia personale serve ad indirizzare i protocolli di sorveglianza.
Storia personale di polipi adenomatosi
I pazienti che hanno eseguito una polipectomia per-endoscopica, hanno un rischio aumentato di sviluppare successivamente altri polipi o un CCR. In particolare, il rischio risulta significativamente aumentato rispetto alla popolazione generale, in presenza di una storia di adenoma con Ø >1 cm, villoso, con displasia severa o di adenomi multipli (= 3). Lo scopo della sorveglianza endoscopica, in questi pazienti, è quello di rimuovere le lesioni metacrone, prima che evolvano in cancro.
Questi pazienti, dopo una accurata toilette di tutte le lesioni sincrone mediante colonscopia totale, dovrebbero eseguire il primo controllo dopo 3 anni e, successivamente, se negativo, ogni 5 anni.
Alternativamente, è stato proposto di suddividere i pazienti in due gruppi, a basso ed alto rischio, considerando a maggior rischio di CCR, i pazienti con = 3 adenomi rilevati durante la prima colonscopia o con = 60 anni di età ed un parente di primo grado con CCR. I pazienti ad alto rischio, dovrebbero effettuare il primo follow-up dopo tre anni; i pazienti a basso rischio dopo 6 anni.
Storia personale di Cancro Colo-rettale (CCR)
La sorveglianza endoscopica nei pazienti che hanno subito un intervento resettivo per CCR è indicata al fine diagnosticare precocemente recidive trattabili e lesioni metacrone. In questi pazienti, viene consigliata una colonscopia totale dopo 3 anni dall’intervento, quindi dopo 3-5 anni. Diversi studi, hanno comunque dimostrato una bassa correlazione costo/beneficio da questo tipo di sorveglianza, essendo molto spesso impossibile una terapia eradicante in caso di recidiva neoplastica. Allo stato attuale manca una strategia ottimale di follow-up.

 


vai alla pagina: ANATOMIA DEL COLON RETTO

vai alla pagina: Relazioni e casi clinici gastroenterici

torna alla pagina: COLONSCOPIA VIRTUALE

vai al forum: il radiologo risponde!

ultimo aggiornamento di questa pagina: 19 November, 2011